ASSOCIAZIONE NAPOLEONICA D’ITALIA

L’Associazione Napoleonica d’Italia è stata fondata nel 1993 in Padova da un gruppo di appassionati di storia, col fine di stimolare l’interesse e promuovere le conoscenze circa il periodo che corre dal 1769 al 1821, rispettivamente anno di nascita e morte di Napoleone Bonaparte.

L’Associazione opera nella realizzazione di  ricostruzioni storiche conferenze e didattica nelle scuole con l’obiettivo di abbinare la rievocazione alla cultura, nella certezza che la ricostruzione sia uno dei canali più immediati e divertenti per diffondere l’amore per la storia.

Nel corso di questi anni l’ANI è diventata un vero e proprio punto di riferimento per tutti gli interessati italiani e stranieri. Vanta collaborazioni con le trasmissioni televisive Ulisse, Superquark e il Musée de l’Armée di Parigi.

Le nostre attività

  • Ricostruzione di eventi storici in collaborazione con le Amministrazioni Comunali i cui territori hanno visto lo svolgersi di rilevanti fatti d’arme legati strettamente all’epoca napoleonica.
  • Attività didattiche, rivolte a scuole elementari e medie. Realizzazione di lezioni in uniforme storica sulla vita dei soldati napoleonici con lo scopo di approfondire le conoscenze degli studenti nel campo della microstoria e della storia materiale.
  • Pubblicazione di libri e riviste di approfondimento sull’epopea napoleonica.

I nostri gruppi storici

11ÈME LÉGÈRE

Il gruppo è nato dalla fusione di due apprezzati gruppi di rievocazione storica, il 6ème regiment d’infanterie légère ed il Bataillon du Tirailleurs du Po, con l’intento di formare un reparto numeroso, ben addestrato, con un unico comando e in grado di poter ricreare sul campo manovre altrimenti impossibili con numeri esigui.

6ÈME ARTILLERIE

Il gruppo ricrea in scala 1:1 l’equipaggio di un pezzo di medio calibro dell’età napoleonica. Il gruppo, in grado di spaziare dal punto di vista uniformologico dal 1792 al 1815, è idealmente collegato all’11eme regiment d’infanterie legere, di cui costituisce l’artiglieria reggimentale, così come avveniva dal 1809 in poi, quando i reggimenti di artiglieria vedevano le proprie compagnie più o meno stabilmente aggregate alle unità di fanteria, in modo da aumentarne la potenza di fuoco.

K.K. JÄGER BATAILLON NR.9

Il gruppo rievoca il battaglione di origine austriaca che ebbe vita dal 1808 fino alla fine della Prima Guerra Mondiale. In particolare ricostruisce una pattuglia di Jäger, tiratori scelti dell’esercito Imperial Regio, distintamente in uniforme del 1803, del 1859 e del 1866. Il gruppo, inoltre,  sviluppa un progetto dedicato alle Marketenderin, ovvero le cantiniere tipiche austriache e sull’abito civile maschile e femminile tipico della regione di Stiria.

K.K.I.R. 26 “HOHENLOHE”

Durante l’età napoleonica, l’unità – reclutata in Carinzia – combattè sempre sul territorio italiano, prendendo parti alle maggiori battaglie del periodo: Rivoli, Magnano, Caldiero, Piave 1809, Mincio 1814. Il gruppo ricostruisce la 1a compagnia granatieri per l’età napoleonica e la 1a compagnia fucilieri del 1° battaglione per il periodo successivo al 1815.

CLUB FIORILE

Tramite la riproposizione di musiche e danze dell’epoca offre al pubblico uno spaccato della vita borghese e di corte. Il termine “Club” richiama il periodo della Rivoluzione ove i club erano luoghi di ritrovo della nuova società mentre “Fiorile”, il nome repubblicano del periodo che va dal 15 di aprile al 15 di maggio, è stato scelto per il suo richiamo al colore a alla gioia.

NAJADI

Questo gruppo civile nasce con l’obbiettivo di mostrare l’enorme ruolo di quelle donne che hanno vissuto le vicende delle campagne militari del 18° e 19° secolo in Europa. Madri, Mogli, sorelle, amanti, ma soprattutto donne che con intelletto, sentimento e coraggio hanno spesso rischiato la vita e sono state lì sul campo a servizio di chi aveva bisogno, anche quando persino alcuni uomini avrebbero preferito non trovarsi in posti tanto orrendi.